Jeans

Come Vengono Realizzati i Jeans

L’imprenditore americano Levi Strauss viene indicato come il creatore del primo paio di pantaloni in denim alla fine del 1800. A distanza di secoli questo indumento continua a conquistare gli armadi di tutto il mondo. Ma come fa questo capo iconico a passare da una pianta soffice al tuo rivenditore preferito?

Il processo di produzione del jeans

C’è una lunga strada che porta dal cotone ai jeans, e ogni paio deve percorrerla. Lo spieghiamo in questo articolo.

La preparazione del cotone

Tutto inizia con la sgranatura del cotone, ovvero il processo che permette di separare rapidamente le fibre della pianta di cotone dal resto della pianta. Il cotone viene raccolto dai campi, lavorato e imballato. Le balle vengono aperte e separate in piccoli cespi.

Quindi, una volta tolto dalle balle e ispezionato, il cotone passa alla fase di cardatura, un processo che consente di districare le fibre tessili, renderle parallele ed eliminarne le impurità. A questo punto, le fibre sono chiamate scaglie. Successivamente, altre macchine uniscono più scaglie tra loro, che vengono tirate e attorcigliate per rinforzare i fili. Successivamente, queste corde vengono messe su filatoi che attorcigliano ulteriormente e allungano le fibre per formare il filato.

La tintura del cotone

Si passa quindi alla fase di tintura. Parte di quel filato viene tinta con colorante indaco sintetizzato chimicamente prima di essere tessuto. Grandi gomitoli di filato, chiamati orditi a gomitolo, vengono immersi più volte nella miscela indaco in modo che la tintura ricopra il filato a strati.

Questa stratificazione di colorante indaco spiega perché i blue jeans sbiadiscano leggermente ad ogni lavaggio. Sebbene le sostanze chimiche esatte utilizzate in tali procedure di tintura rimangano segreti commerciali, è noto che una piccola quantità di zolfo venga spesso utilizzata per stabilizzare gli strati superiori o inferiori di colorante indaco. Il filo tinto viene quindi tagliato e rivestito con una colla derivata da sostanze amidacee per rendere i fili più forti e rigidi.

La tessitura del cotone

Il filato viene quindi tessuto su grandi telai meccanici. Il denim non è blu al 100%, poiché i fili tinti di blu che formano l’ordito (ovvero l’intreccio di fili lunghi e verticali) sono combinati con fili bianchi che formano la trama (più corti, orizzontali).

Sebbene i telai meccanizzati utilizzino la stessa procedura dei telai a mano, sono molto più grandi e veloci, tanto da arrivare a produrre fino a 3.000 metri di tessuto largo 3/4 metri ogni settimana. Fino a 1.000 metri di stoffa possono essere arrotolati in un unico rotolo.

A questo punto il denim è pronto per il finissaggio, termine che si riferisce a una varietà di trattamenti applicati al tessuto dopo una volta terminata la filatura. Questo processo è necessario a rimuovere la polvere e la peluria dal tessuto denim greggio con la conseguente applicazione di ammorbidenti e di prodotti chimici necessari per l’operazione di finissaggio a umido.

A questo punto, il denim viene tagliato in base ai modelli con macchine da taglio ad alta velocità da pile di 100 strati di spessore. La cucitura viene eseguita in una catena di montaggio, tramite macchine da cucire industriali azionate dall’uomo. Ad ogni cucitrice è assegnata una funzione specifica: una cucitrice attacca le tasche alle cuciture delle gambe, un’altra cuce insieme le cuciture delle gambe e un’altra ancora si occupa della cintura.

Una volta che la fascia in vita è fissata, i passanti della cintura possono essere cuciti e i bottoni attaccati. Se i jeans includono una cerniera, questa viene cucita in posizione e i pantaloni vengono orlati. Infine, i rivetti vengono posizionati nei punti appropriati e l’etichetta del produttore viene cucita per ultima.

Se sei a corto di jeans o vuoi rinnovare il tuo guardaroba, dai un’occhiata alla nostra selezione delle migliori marche da jeans per uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *