Quali sono le eccellenze pediatriche in Italia?

La chirurgia pediatrica, e più in generale tutte le branche della medicina che riguardano la pediatria in Italia, vantano l’esistenza di eccellenze nel settore. Si tratta di strutture specializzate in grado di dare risposte alla cura dei bambini fin dalla loro nascita. Queste strutture possono essere sia pubbliche che private o parastatali ma in linea di massima si tratta comunque di veri e propri poli di eccellenza in pediatria che sono sempre supportati da strutture ospedaliere ben attrezzate ed anche specializzati in questo specifico settore medico.

In particolare da nord a sud esistono diversi istituti che lavorano in maniera egregia in questo senso. Innanzitutto c’è l’Azienda Ospedaliera di Padova (AOP), un centro di cura terziario strettamente legato all’Università di Padova. AOP è uno degli ospedali più frequentati del Nord Italia e certamente il più grande e affollato nella zona nord-orientale.  

L’Unità di Chirurgia Pediatrica e congenita cardiaca di Padova è parte di questo ospedale, che fa parte del Dipartimento di cardiaca toracica e scienze vascolari, è coinvolto nello studio della donna e si colloca tra i centri più attivi per la chirurgia cardiovascolare pediatrica e cardiologia nel paese, con oltre 300 interventi chirurgici all’anno, e con un alto indice di complessità delle prestazioni.

I medici del personale dell’Unità di Chirurgia Pediatrica e congenita cardiaca sono esperti di fama mondiale nel trattamento chirurgico delle cardiopatie congenite nei neonati, bambini e adulti. La maggior parte delle malattie cardiache congenite vengono risolte entro i primi 3 mesi di vita. Adulti con cardiopatie congenite sono trattati per re-intervento o riparazione primaria. L’Unità di Chirurgia Pediatrica e congenita cardiaca a Padova si colloca tra le unità chirurgiche più ricercate del paese. Ha una lunga tradizione in cardiochirurgia innovativa per il trapianto di cuore dal primo trapianto di cuore umano in Italia che è stato eseguito a Padova nel 1985, seguito dal primo trapianto di cuore neonatale nel 1987.

Poi c’è l’ospedale Bambin Gesù di Roma. Bambino Gesù è il più grande ospedale di ricerca e centro pediatrico in Europa, con collegamenti con importanti centri internazionali di settore. L’ospedale ha un organico di quasi 2.600 tra cui medici, ricercatori, infermieri, tecnici ospedalieri e personale d’ufficio. L’Ospedale Bambino Gesù è conosciuto come l’ospedale per i bambini e l’ospedale del Papa. Si occupa in maniera esclusiva dei problemi che riguardano la salute dei bambini, dal momento della nascita fino ad arrivare all’adolescenza ed offrono servizi sanitari rivolti ai bambini in tutte le loro fasi, studiando anche le condizioni patologiche neonatali.

L’ospedale pediatrico Anna Meyer di Firenze invece si occupa della salute dei bambini ed in particolare fa attenzione alle patologie neonatali con reparti di neurochirurgia, allergologia, cura delle ustioni e un reparto di otorinolaringoiatra. Da 5 anni ha aperto anche una nuova sede nella zona di Careggi.

Tra le altre eccellenze pediatriche, spunta anche l’ospedale di pediatria San Raffaele che invece si occupa della salute dei bambini in particolar modo facendo attenzione ai settori di Diabetologia, allergologia, immunoematologia, gastroenterologia ed endocrinologia. L’ospedale di Milano in particolare è un’eccellenza per quanto concerne il diabete e la sua fase evolutiva riuscendo anche intervenire su delle malattie infantili molto rare come la sindrome di Wolfram oppure la poliendocrinopatia autoimmune. Questo ospedale effetto a quasi duemila ricoveri ogni anno e fornisce numerosissime prestazioni ambulatoriali anche con il supporto del reparto di chirurgia pediatrica dell’ospedale Vittorio Buzzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *