Le eccellenze italiane di uno dei prodotti più amati: il cioccolato

Il cibo italiano conosce numerose eccellenze legate a tradizioni molto antiche, tramandate di generazione in generazione. Le tantissime prelibatezze Made in Italy non sono solo il risultato della storia del cibo del nostro Paese, ma spesso incontrano anche l’innovazione culinaria che li rende ancor più speciali. La continua ricerca e sperimentazione, un tocco di creatività e la passione di chi da anni si occupa della lavorazione di questi prodotti, rendono la nostra tavola ricca di specialità.

Uno dei prodotti più popolari e più amati è il cioccolato. Ovviamente come tutti sappiamo non è stato inventato in Italia, ma importato dall’America del sud, ma a partire dal XVII secolo si è diffuso rapidamente in tutta la penisola. I primi a lavorare il cacao furono gli abitanti della Contea di Modica, elaborando un’antica ricetta azteca che lavorava il cacao preservandone le proprietà. Ancora oggi la città di Modica è famosissima per il cioccolato, soprattutto quello fondente, che si presenta particolarmente amaro e granuloso.

Oggi, come in passato, l’Italia ha avuto un ruolo importante nella diffusione del cioccolato, con numerosi centri di produzione e lavorazione artigianale. Le prime fabbriche italiane di lavorazione e produzione del cioccolato, nacquero intorno al 1800 come Caffarel e Prochet, le quali iniziarono la produzione del cioccolato proprio all’inizio del XIX secolo, poi Majani che nacque da un laboratorio di dolci bolognese. È proprio in queste aziende che risiedono le radici dell’eccellenza italiana. Un’altra fabbrica di cioccolato storica è la Pernigotti che in pochi anni divenne l’azienda fornitrice della casa di Savoia. Verso la fine degli anni ’70 nacque anche Venchi.

In quegli anni fiorirono molti artigiani del cioccolato e molte case, che si dedicarono all’industrializzazione dei processi produttivi e che ancora oggi rappresentano l’eccellenza del cioccolato italiano.

Un esempio è proprio la Perugina che nata come società per la produzione di confetti, agli inizi del 1900, divenne produttrice di cioccolato e confetture. Anche Peyrano, nato come laboratorio di caramelle, si trasformò poi in produttore di cioccolato. Lo stesso accadde per Zaini e Ferrero al quale dobbiamo l’invenzione della Nutella, nata da una crema di gianduia a basso contenuto di cacao.

Oggi il cioccolato è tra gli alimenti più amati. Ne esistono tante varietà e forme: barrette, tavolette, praline, creme spalmabili, bon bon e cioccolatini. Anche i gusti sono davvero variegati: dai classici gusti al latte, fondente o bianco, agli abbinamenti più bizzarri nati nel corso degli anni, come nel caso del cioccolato all’arancia, al peperoncino o quello alla cannella.

In Italia oltre alle numerose marche ed aziende produttrici di cioccolato che rappresentano le nostre eccellenze nel mondo, ci sono tantissimi produttori artigianali che esportano il loro cioccolato all’estero.

Tra le aziende più importanti del nostro Paese, ci sono sicuramente la Ferrero, che produce Kinder cioccolato, un prodotto commercializzato in tutto il mondo. Le varietà in cui lo si trova sul mercato sono varie, ma per la maggior parte sono caratterizzate da una glassa di latte ricoperta da uno strato di cioccolato. Poi la Novi, che produce cioccolato di alta qualità in tavolette al latte, gianduia, bianco o fondente.

Poi ancora c’è la Perugina, che è considerata la vera eccellenza del cioccolato italiano, con i suoi cioccolatini e il cioccolato fondente con diverse percentuali di cacao. Alla base della tradizione e della produzione del cioccolato firmato Perugina c’è la qualità. Il prodotto più famoso è il Bacio, un cioccolatino ripieno di nocciole.

In Italia, il cioccolato rappresenta un alimento di gusto, che dal Piemonte alla Sicilia viene prodotto con passione e maestria dando vita ad una vera e propria arte cioccolatiera tutta nostrana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *