Le miniere dell’Elba

L’Isola d’Elba non è solo famosa per il mare, le spiagge e le escursioni, ma anche per la storia molto particolare che la contraddistingue. Se amate i paradossi, forse potrete godere di un angolo d’Elba che a mio avviso non è possibile trovare così facilmente nelle guide turistiche e nemmeno su siti come Trip Advisor.

Siamo all’interno delle antiche miniere di ferro di Rio Marina, nei cantieri Pistello, abbandonati da mezzo secolo. Vi si accede dalla strada principale che collega Rio Marina a Cavo, sulla spiaggia di Cala Seregola.

Rio_Marina

Foto CC-BY-SA di Twice25

Se passeggiate la mattina presto lungo l’ampia strada sterrata, è probabile incontrare tra le antiche cave il grido rauco della pernice bianca, una varietà autoctona dell’isola d’Elba. Se non si fa troppo rumore, se ne possono vedere parecchie. Esse sono caratterizzate dal color arancione caratteristico della loro coda, che si staglia contro il resto del piumaggio, che è di un colore più opaco, una sorta di grigio-marrone.

Sarete sempre immersi nel rosso delle miniere durante questa passeggiata, quindi ogni altro colore non fa altro che aumentare le sue infinite sfumature. L’essenza visiva del colore rosso predominante nelle miniere deriva dalla quantità eccessiva di ossidi di ferro in questa zona. La parte delle miniere è un inquietante connubio tra natura ed essere umano scavato nelle profondità di questa terra, che sembra avere resistito passivamente all’estrazione continua nei secoli. Dal punto di vista della natura, ci troviamo in un ambiente fortemente compromesso da generazioni di minatori. Ora l’archeologia industriale rappresenta il passato, ma se si ascolta il silenzio del vento che si aggira da queste parti, in esso si può sentire il respiro della natura, che cura le ferite e allo stesso tempo porta la pace a coloro che hanno la pazienza di ascoltare. Tutta questa prefazione solo per parlarvi di una discarica? Qui sta il paradosso.

E non sto parlando di una discarica di reperti archeologici e / o minerari, ma di un vero e proprio deposito di rifiuti smaltiti in pochi anni: vetro, plastica, scaldabagni e molti pneumatici per autovetture. Non è una questione di gusto per il grottesco, altrove sarebbe disgustoso, ma qui, immersi nel rosso che caratterizza questo paesaggio, tutto ha tutto un effetto diverso. Nel punto più basso della discarica si è formato un piccolo stagno, circondato da bottiglie senza fine e pneumatici per auto, il tutto coperto da un’alchimia non identificabile.

Un paesaggio morto, ucciso e violato innumerevoli volte dal bipede più pericoloso del mondo, che ha abitato queste colline per secoli, e che fu il primo ad estrarre i metalli preziosi dalle vene di questa terra e quindi a riempirle con i suoi rifiuti.

La mia impressione è che il rosso dello stagno segni la fine di un percorso e, insieme, un nuovo inizio enigmatico. In questo vermiglio silenzio, ci si sente disorientati, mentre lo sguardo corre senza sosta ad ammirare forme e colori, come se fossero una metafora di qualcosa che deve ancora manifestarsi.

L’Isola d’Elba offre ai suoi turisti una grande varietà di paesaggi da esplorare, attività da svolgere e spiagge da scoprire, ma porta anche il peso di una grande storia e di una grande cultura. Qui, è possibile visitare le miniere ed i musei ad esse dedicate per ricostruire la vita quotidiana dei minatori e le loro condizioni.

Se viaggiate con la vostra famiglia, sarà possibile portare anche i bambini a vedere le miniere, potrebbero rimanerne molto affascinati (potete raggiungere l’Elba in traghetto).

L’ematite

L’ematite è stata una delle risorse primarie più sfruttate all’Isola d’Elba. Per oltre 3000 anni, la popolazione locale ha estratto e fuso il ferro dalle grandi miniere di ematite del luogo. Per questo, ci sono numerosi affioramenti di ematite in tutta la zona intorno a Rio Marina. Nella miniera che si trova nella periferia a nord della città si trova la stragrande maggioranza di ematite in quantità massicce. Il giorno prima abbiamo visitato la miniera ci fosse stato qualche pioggia decente nella zona. Come risultato dell’aria umida, si ha un odore inconfondibile di metallo. Nelle miniere dell’Elba, si trovano anche pirite e quarzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *